R.I.P. Zaha Hadid: Architetto, Donna & Visionaria

Comments (0) Senza categoria

ZAHA-HADID

Zaha Hadid

Non ci ha lasciato solo una Donna, lei ha cambiato le regole in un mondo fatto di uomini, ha sovvertito le leggi della fisica, ha vinto tutto il vincibile nell’Architettura, Pritzker nel 2004, lo Stirling e la medaglia d’oro del Royal Institute of British Architects (RIBA) , un infarto ha fatto spegnere la sua luce.

Morbide curve, piene di luce bianca, ricche le sue opere, di una antica ed ultra terrena iconografia.
Di recente aveva completato il MAXXI di Roma, City Life a Milano, il London Olimpic Acquatic Centre, in fase di completamento sempre a Milano “Lo Storto” o meglio “Torre Hadid” in consegna il prossimo anno. Nelle prime ore di oggi ci ha lasciato, un fulmine a ciel sereno, ad essere onesto, inaspettato lutto, il futuro sarà sicuramente diverso senza di lei, un futuro, il suo che ci aveva già descritto, progettato e costruito attraverso i suoi lavori.
Avevo già scritto di lei come La Donna dell’Architettura, che aveva cambiato tutto, iconica lei come il suo nome e le forme di quelle aliene sculture che costruiva con materiali quasi normali.
Parlando egoisticamente da parte di chi ha sempre vissuto da osservatore e fruitore delle sue opere, 65 anni di vita e non troppi di meno di carriera, mi sembrano pochi, per una delle poche menti che è riuscita ogni volta a lasciarci senza fiato, creando luoghi e non luoghi personalizzabili semplicemente con la propria presenza.

R.I.P Zaha Hadid

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookShare on LinkedInShare on Tumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Will be used in accordance with our Privacy Policy