Piano City Milano 2016: un weekend pieno di emozioni

Comments (0) Art & Culture

Piano City Milano 2016

Milano, indiscussa capitale dello stile Italiano, ospiterà nel week end tra il 20 ed il 22 maggio, una scaletta ricca di concerti che si snoderanno per tutta la città. 400 concerti per far emozionare la città con le note dei pianoforti.
2 maratone notturne che collegheranno senza soluzione di continuità il venerdì al sabato e il sabato alla domenica, che culmineranno in 2 concerti all’alba, uno sui tetti della città, quelli dell’Highline della Galleria Vittorio Emanuele II e il secondo nel Parco del Formentano di fronte alla Palazzina
Liberty.
Colui che suonerà la prima nota, sarà Michael Nyman, compositore di fama internazionale, al GAM, Galeria d’Arte Moderna di Via Palestro, uno dei tre centri nevralgici di tutta la manifestazione.
Al Piano Center, nel parco della Villa Reale – aperto eccezionalmente per Piano City Milano 2016 – durante il week end si alterneranno i concerti sul laghetto e in giardino con alcuni dei grandi protagonisti internazionali della scena concertistica come: Evan Lurie, Stefano Bollani e Francesco Grillo in duo, Sasha Pushkin, Ji Liu, Ayse Deniz Gokcin, Jon Clearly e questi sono solo alcuni dei nomi presenti nel programma.
Gli altri cuori pulsanti dell’evento saranno il BASE in zona tortona, cioè il Basement dell’Ex Ansaldo riconvertito, dove fra gli altri, Yulianna Avedeeva, vincitrice del primo premio al Concorso Internazionale Chopin di Varsavia nel 2010, suonerà il Gran Coda n. 1 di Tallone, di proprietà della Fondazione Gioventù Musicale, mentre il Santeria Social Club, una ex concessionaria riconvertita in spazio polivalente, con un teatro, uno shop, un laboratorio grafico, un’aula di formazione, un’area coworking e un grande bar con cucina, ospiterà la seconda maratona notturna.
La seconda notturna sarà al Base, che accompagnerà la notte con romantici noti e meno noti.
Tanti saranno nel week end Menghino gli appuntamenti per deliziarsi con le note di un meraviglioso strumento che, se non sponsorizzato grazie a questo genere di manifestazioni, si perderebbe nel tempo.
Uno degli intenti del progetto è sicuramente riavvicinare i giovani e i giovanissimi a questo strumento fonte di stupore ed emozione, per chi ascolta e per chi lo suona.
Strumento, il pianoforte, che altrimenti perderebbe appassionati in quanto, come tutti i retaggi, ha bisogno del suo tempo nello studio e nell’ascolto.
Questa manifestazione ed ogni singolo concerto regaleranno sicuramente a chi andrà agli spettacoli, una forte dilatazione temporale e la sensazione che il tempo sempre troppo veloce, quello di tutti i giorni, rallenti, dando la possibilità di godere di tanta invisibile bellezza.

Here the site of the event and throughout the program.

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookShare on LinkedInShare on Tumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Will be used in accordance with our Privacy Policy