COACHELLA! The entertainment made in South California!

Comments (3) Art & Culture, Music

credit: https://www.flickr.com/photos/thomashawk/

Coachella Valley Music & Art Festival

I Week End sono due, sono quelli centrali di Aprile, nell’assolatissimo sud della California a metà fra le montagne e il deserto, poco a sud di Palm Springs, accanto alla miliardaria Indian Wells, troviamo Indio, tranquilla e classica cittadina californiana, che dal 1999 è diventata l’Ospite di uno dei più grandi festival di arte e musica del mondo, il “Coachella Valley Music & Art Festival”, conosciuto da tutti come il Coachella.
6 gg in totale, due week end di musica, arte e ormai anche street food gourmet. In questa bellissima cornice il Coachella ha visto in 17 Natali 15 festival, con in arrivo il 16°. Le aspettative sono grandi per tutti quei giovanissimi e non che si riverseranno per le strade del sud della California, in quei sei gg di solo divertimento in nome delle musica e dell’arte. Da qualche ora è uscito il LineUp dell’evento di quest’anno, ci sono volti nuovi e molti immancabili, come Ellie Goulding, Calvin Erris, Ice Cube, Zed, Guns N’ Roses, A$AP Rocky, Sia ed i Major Lazer, per dirne alcuni. I nomi aumentano come ogni anno e spaziano in tutti i generi musicali.

Con numeri sempre in crescita dal 1999 ad oggi sia di visitatori dal tutto il mondo che di incassi, è considerato il Festival Musicale Americano per eccellenza, infatti nel 2014 hanno incassato 78 milioni di USD, con oltre ½ milione di persone, secondo Billboard, che gli ha fatto i conti in tasca.
Con la crescente popolarità negli anni abbiamo visto anche l’aumentare della partecipazioni di nomi della musica. Per questo ora diventa un palco di conferma per la carriera di quei giovani artisti che vogliono un respiro internazionale per la loro arte. Dal Produttore/DJ al cantante è uno dei palchi più impegnativi ed importanti al momento. Da Amy Winehouse, Dr. Dre and Snoop Dogg, Prince, Paul McCartney, Arcade Fire, Wu-Tang Clan, The Killers, Radiohead, Daft Punk, Madonna, The Cure, Kanye West, Eminem, Gorillaz, The Black Keys, Rage Against the Machine, Beck, Nine Inch Nails, The Strokes, The White Stripes, Jay-Z, Beastie Boys, Muse, Red Hot Chili Peppers, and Foo Fighters in tantissimi in questi 17 anni hanno messo piede sul quel palco.
Da sottolineare che non esiste un party senza David Hasselhof, che ogni anno timbra il cartellino. I generi musicali spaziano dal rock all’indie, dall’hip hop all’elettronica, il tutto condito dall’arte che il target dell’evento predilige, installazioni grandi e piccole, di diverse nature che sono legate da uno spirito di libertà e voglia di rottura che è tipico del target sognatore di questo genere di festival.
Inevitabile è per i protagonisti dell’evento eccedere con trucco, parrucco e outfit, dal nostalgico hippy che con nostalgia ricorda un periodo da lui mai vissuto, quello di Woodstock per intenderci, sino all’ultra tech, passando per lo shabby.
Da gli gli incassi si evince che il target è ampio. Il concept pre – nuovo millennio, è stato sviluppato da illuminati esponenti della generazione X che bene hanno cresciuto una vigorosa generazione Millennials.

Ma il brand è?
Il brand del Coachella con il tempo è diventato un’immagine ben definita nelle menti di chi c’è stato e chi ci vorrebbe andare, musica al tramonto schiacciati tra monti e deserto, è il fascino di un sud della California che non tramonta mai.
È un gigantesco parco giochi dove tutti, proprio tutti, hanno la possibilità per divertirsi, che è la forza che spinge tutta la macchina, l’entertainment, la voglia di godere di tre / sei gg, che grandi e meno grandi vogliono regalarsi.
È entrato in quel trio di festival che stanno facendo la storia ed i ricordi di un paio di generazioni.

Il primo in ordine di tempo è il Burning Man che dal ’91 regala annualmente 8gg di post apocalittica vacanza nella distese di sale di Black Rock in Nevada, non distante da Reno, anche questo festival è una iniezione di arte e musica, in questo caso il tutto è offerto dai partecipanti, chi vuole organizzare organizza. Non sono accettati soldi, esiste il baratto, è meravigliosamente un estrapolato di un film di quelli che vanno tanto ultimamente, o uno dei colossal anni ’80 che hanno lanciato Mel Gibson.
L’altro è Tomorrowland, risposta Europeissima ai due festival Americani, musica, arte ed un bagno di folla. Per il giovanissimo festival, quella del ’16 sarà l’11ma edizione.
Insomma il Coachella è una delle mete del divertimento internazionale che per 6 gg all’anno regala sogni ad artisti e partecipanti.
Il punto di forza di questo festival è ovviamente la sovraesposizione social, infatti l’edizione dello scorso anno è stata una delle più instagrammate e twittate. Aprile mette a dura prova i server dei social network.
Ed è proprio questo probabilmente che ha fatto crescere a dismisura il valore di un brand perfetto nel momento storico, per il suo target e per i loro fratelli maggiori.

 

(CLICK HERE  FOR COACHELLA SITE AND LINEUP)

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookShare on LinkedInShare on Tumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Will be used in accordance with our Privacy Policy