THE ART OF SHOES: I CAPOLAVORI DI MANOLO BLAHNIK IN ESPOSIZIONE A MILANO

Comments (0) Art & Culture, Fashion

In un celebre episodio di Sex & the City, la protagonista super fashion Carrie Bradshaw subisce una rapina molto particolare. Oltre agli effetti personali, infatti, le viene sottratta quell’unica cosa capace di scuoterla fino in fondo, la cosa cui si sente affettivamente più legata: un paio di bellissime Manolo Blahnik. La reazione di Carrie, scalza e in lacrime dopo il furto, è di vera e propria disperazione, perché il valore delle scarpe, di quelle scarpe, va ben oltre l’aspetto economico, già cospicuo di per sé.

Inestimabili sotto tanti punti di vista, le calzature di Manolo sono il sogno di ogni donna con la passione per le scarpe, per la moda e per la bellezza in generale. E a proposito di bellezza, in quanto vere e proprie opere d’arte, alcune delle migliori produzioni firmate Manolo Blahnik sono esposte fino a domenica 9 Aprile a Milano, a Palazzo Morando, in una mostra intitolata  The Art of Shoes, a cura di Cristina Carrillo de Albornoz. Belle e irraggiungibili, le calzature della collezione, 212 modelli diversi in tutto, nascono proprio dall’artigianato dell’hinterland milanese, tra Vigevano e Parabiago, e sono affiancate da 80 illustrazioni selezionate tra quelle dell’archivio privato di Manolo, nato alle Canarie da padre ceco e madre spagnola. I disegni ripercorrono i 45 anni di attività del re delle scarpe, scarpe che nella mostra di Milano sfilano sotto gli occhi dei visitatori come dei veri e propri gioielli. E in fondo lo sono. Come quando nella versione cinematografica di Sex & the City Mr. Big chiede a Carrie di sposarlo, facendole calzare una stupenda Manolo blu per suggellare il loro patto d’amore, invece di infilarle al dito il solito anello. E alla collaborazione con la fortunata serie americana (1998-2004), oltre a quella con lo stilista John Galliano, Manolo Blahnik deve parte della sua fortuna.

Le scarpe di The Art of Shoes sono conservate in teche di plexiglass e hanno tutte nomi evocativi, in un mix di storia, cultura e lusso. Come Linda, che celebra supermodella Linda Evangelista, o Piaggi, l’omaggio alla celebre e indimenticata giornalista di Vogue Anna Piaggi. E parlando di Vogue, rivista mensile che il couturier amava sfogliare da bambino insieme a sua madre, Manolo Blahnik ha voluto dedicare la mostra di Milano a Franca Sozzani, sua cara amica recentemente scomparsa, nonché la donna che ha fatto la storia di Vogue Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

[contact-form-7 404 "Not Found"]