ZERO KMs, Hottest Cousin Trend.

Comments (2) Health & Wellness

Da casa, alla cucine stellate la tendenza è regionale.

I Più potenti Brand del food, hanno come logo la bandiera nazionale.

La definizione più semplice per presentare la cucina di uno chef e di un ristorante è in primis definire la sua natura più semplice, quella regionale. Dal GastroPub Inglese al Pub Irlandese o Belga, sino ad arrivare al sud Americano con le sue tante diversità, passando per Europa e Asia, ogni singola nazione ha le sue regole e modi di approcciarsi all’arte dell’unire ingredienti.

Il Vecchio continente fa scuola, basta ad esempio dire cucina Francese che viene in mente la delicatezza di una serata di fine estate seduti ad un tavolo in ferro battuto, lo shebby originale, su una strada di pavè con dei pioppi di napoleonico rimando, il sapore delicato della Francia tra le labbra ed è subito un film della Walt Disney, quella stessa cucina che a tentarla a casa non puoi fare a meno di affidarti ai consigli al miele di Julia Childe, che in principio consigliava alle donne americane, ora 50 anni dopo è un simbolo della cucina internazionale. Cucina quella francese che ha come fiore all’occhiello la pasticceria, una vera e propria arte che non permette errori, tradizionale espressione di un piacere proibito, lo zucchero, il burro la cioccolata, alla fine il peccato di gola esiste solo se gli si resiste.

Svalicando semplicemente le alpi il peccato ha dei colori più vividi e dei sapori più forti, propri di una delle cucine più amate al mondo. Cucina italiana vuol dire pancia piena e un roseo colorito sulle guance che indica un’ottima annata nel bicchiere. L’immaginario classico impone pizza, spaghetti pasta al forno, in un vicolo di Napoli o Roma dove un corpulento ristoratore mesce dell’ottimo rosso della sua cantina. Alle volte bisogna ammetterlo sopratutto nelle su citate città il piacere della compagnia di questi personaggi è possibile, ma l’Italian Sound marchio ormai internazionale è molto di più, nato dalle tante dominazioni che da nord a sud hanno variato il DNA di una cucina antichissima. Il piacere si crea in attrezzatissime cucine domestiche dove l’approccio alla materia prima è intriso di quel rispetto e viscerale attaccamento al profumo dell’ancora non cotto, ogni italiano in fondo è uno chef. Questa sua natura è evidente nella sua capacità di spulciare approfonditamente ogni volta anche il menu del suo ristorante preferito. Italian Cuisine State of Mind. Sono 3 i ristoranti del bel paese che rientrano nel 50 World Best Restaurant del 2015, dove troviamo proprio questo approccio alla cucina, che è mixata con con ingredienti alle volte nuovi e modalità di cottura e di sovrapposizione di sapori, da qui viene esportata nel mondo una cucina italiana liftata che è esaltata con sapori che arrivano dal sud del mondo o dall’estremo Oriente.

Oriente, che è culla di una delle cucine più amate e da alcuni temuta, dal Dicembre 2013 patrimonio immateriale dell’UNESCO, la cucina giapponese, che a suon di sottili fettine di salmone, tonno e anguilla rigorosamente crude, ha scalato l’olimpo delle cucine più diffuse al mondo, ma i Giapponesi come ovvio hanno un ricettario estremamente vario, ricco anche di diverse cotture che tendono a lasciare intatto il sapore della materia prima cuocendo tutto separatamente ed unendole a tavola.

Ricco è il sapore delle Zuppe che come tradizione vuole deve portare il sorriso sulle labbra di chi vede il fondo della zuppiera. Una vera arte quella della cucina giapponese fondata sul rispetto delle materie prime e amante della forma ricca nel piacere della pulizia e della distinzione delle forme.

Dal Giappone andando verso Est, arriviamo ad ovest mantenendo adottando la visione eurocentrica del mondo incontriamo in un viaggio ideale le pacifiche coste di un’America che infinitamente grande offre un patrimonio culinario che il solo pensiero ci avvicina alla palestra.

Da nord a sud gli ingredienti non sono dissimili se non nella frutta, ma cambia totalmente il modo di cucinarli e l’estetica della perfezione in un piatto.

Dalla Cucina Sud Americana ricca e diversificata ma piena di sapori caldi che fanno sorridere. Al Soul Food, sofisticata figli di un incontro di mentalità e mix di culture, regala un comodo e burrosissimo cuscino, propria della parte sud degli USA regala pasti ricchi in sapore, ingredienti, calorie, colori e calore di personalità che hanno l’anima influenzata dal sapore latino che saluta più a sud. Influenza quella latina che fa capolino nella cucine ad est

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookShare on LinkedInShare on Tumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Will be used in accordance with our Privacy Policy