CINEMA: I AM LOVE – CULT – CULT – CULT

Comments (0) Fashion


Io sono l’amore non è solo un film, ma una pellicola che in soli sette anni è diventato un film Culto e che racconta la storia di una tipica famiglia Italiana.
Espressione assoluta dei riti e convenzioni sociali dell’alta borghesia industriale, in cui  Ivan Cotroneo, Barbara Alberti e Walter Fasano, raccontano la storia, gli amori, i litigi ed i drammi della famiglia Recchi.
Il film è stato prodotto in collaborazione  First Sun e Mikado Film con il supporto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Presenza giustificata dal set principale in cui è stato girato il film, Villa Necchi Campiglio, l’esempio più alto di Razionalismo Civile che si possa trovare in Italia.
La pellicola fu distribuita nei cinema dal Marzo 2010, dopo essere stata presentata non solo alla mostra del cinema di Venezia, ma anche come unico film italiano del 2010 al Sundance Festival.
La trama ruota intorno alla decadenza di una borghesia potente, quella industriale, raccontata attraverso i ricordi e la stanca noia dei personaggi: dalla tematica omosessuale alla morte, sino ad arrivare al tradimento della protagonista, interpretata da una Tilda Swinton che lascia senza fiato.
Per celebrare ancora meglio l’italianità, la bellezza ed il gusto nel bel paese, i piatti preparati dallo chef di famiglia, il giovane Antonio Biscaglia ( Edoardo Gabbriellini ) con cui Emma Recchi (Tilda) tradisce la famiglia, sono pensati e preparato dallo Chef pluristellato Carlo Cracco. Un compendio di atavica decadenza incorniciato da una Milano ricca della sua bellezza austera!

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookShare on LinkedInShare on Tumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Will be used in accordance with our Privacy Policy