“SCANDALO” & ICONA – E ADESSO BACIATE QUESTO!!!

Comments (0) Art & Culture

La dipendenza dal COSTUME, è sempre stato uno dei sintomi della malattia che affligge la nostra società! La malattia ovviamente è l’ignoranza.
È mia pessima abitudine, pensare che il mondo in cui vivo sia evoluto quanto il gruppo di menti dentro al mio recinto. Ed ogni volta mi trovo a sorprendermi, negativamente certo, quando guardando fuori le cose non sono come le vedo io!
Parlando sempre di domani, delle nuove generazioni, dei nuovi modi di fare e di future tendenze, riferendomi sempre all’illuminato di turno, è difficile rendersi conto che la verità è decisamente differente.
Con grandissimo disappunto ho appreso quello che è successo al numero dedicato all’AMORE della rivista URBAN, testata che personalmente leggo assiduamente.
THE LOVE IN 2017 ISSUE, il numero di giugno, il mese dell’orgoglio LGBTQ e, più in generale, dell’amore, prevedeva una foto con due uomini che si baciano. La redazione è stata, però, costretta a censurare la fotografia a causa di uno degli inserzionisti che, ha delicatamente affermato di non voler affiancare i suoi prodotti a tematiche omosessuali!

Ecco sicuramente il trasporto nella foto è tanto, se si amano beati a loro. Noi abbiamo pubblicato molto di peggio, io ho scritto di peggio, ma il meccanismo è diverso: nell’editoria si è liberi di pubblicare quello che si vuole, entro alcuni paletti. La foto in questione, ad ogni modo, era parecchio all’interno del recinto, le vere regole le fa, fatemi passare il termine, il GRANO, o meglio chi spende i soldi sulla tua testata, per pubblicare i suoi prodotti, chi ti paga i redazionali, chiunque voglia della visibilità derivante dalla tua rivista. Per questo le redazioni alle volte sono costrette a scendere a compromessi, tutti gli altri, quelli che riescono a pubblicare tutto quello che vogliono e possono, lo fanno con grande fatica, la libertà costa e va sostenuta, coltivata e rispettata.

La redazione di URBAN a mio parere ha fatto quello che qualsiasi editore con un piano industriale avrebbe fatto per il bene della rivista, almeno dal punto di vista economico. È certo che così facendo dobbiamo ringraziare loro e il loro inserzionista perché se prima era solo la fotografia di un bacio tra due uomini, ora è diventata l’immagine di un orgoglio che combatte da mezzo secolo per i più basilari diritti umani, insomma è così che nasce un’icona.
Non tutti i mali vengono per nuocere!

urban magazine

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookShare on LinkedInShare on Tumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Will be used in accordance with our Privacy Policy