Orange is the new black 5: quanto manca al 9 giugno?

Comments (0) Cinema

Cosa diavolo sta succedendo nel carcere di Litchfield?
Dai trailer della quinta serie di Orange is the new black, in uscita su Netflix il 9 giugno, sembra proprio che le detenute si siano ribellate prendendo possesso della prigione.
Sarò sincera, non vedo l’ora. OITNB è diventata la mia serie preferita e mi sono sentita molto più serena quando ho scoperto che, grazie a Netflix, le disavventure delle detenute di Litchfield sono destinate a continuare almeno fino al 2019. Già perché l’ultimo rinnovo del contratto si estende fino al settimo ciclo di episodi. In fondo si tratta di una delle serie che, più di tutte, ha rappresentato la fortuna della più grande rete on demand nel mondo presente in più di 190 paesi.
Alla regia della serie ci sarà come al solito Jenji Kohan, la novità arriverà nella decima puntata che segna l’esordio dietro la macchina da presa dell’attrice Laura Prepon, interprete di Alex Vause.
Moltissima è l’attesa tra i fan, non sono l’unica ad avere l’ansia, anche perché il finale della quarta stagione ha lasciato tutti di stucco. E infatti, già a fine aprile quando un gruppo di hacker era riuscito ad impossessarsi illegalmente di dieci episodi su tredici, per poi minacciare di metterli in rete a poco più di un mese dal debutto ufficiale. Una minaccia arrivata con un annuncio su Twitter con il quale il Signore dell’Oscuro, così si è fatto chiamare l’hacker, chiedeva una non precisata ricompensa in denaro in cambio delle puntate.

Ma non vi preoccupate, potete fidarvi di me, non ho mai spoilerato nulla. Mi godrò i nuovi episodi insieme a voi dal 9 giugno in poi. Sperando di non fare tutta una tirata.
Già perché come ha raccontato in una intervista ai SAG Awards, Danielle Brooks, interprete di Taystee, la trama della nuova serie avrà luogo in soli tre giorni.
La rivolta scoppiata dopo la morte di Poussey degenererà rapidamente quando le detenute otterranno il controllo della prigione. Una volta assaggiato il potere, il caos scoppierà tra le mura di Litchfield e tornare indietro sarà davvero difficile. Il trailer, infatti, ritrae una scena ambientata nella prigione di Litchfield dove si vede Daya, la carcerata interpretata da Dascha Polanco, puntare una pistola alla guardia Thomas Humphrey, Michael Torpey, in seguito all’esasperazione delle detenute per il comportamento violento delle guardie carcerarie nei loro confronti culminato con l’uccisione di Poussey. Morte che, non so per voi, ma per me è stato un dramma. Lo ammetto era il mio personaggio preferito e ancora non sono riuscita a riprendermi dal lutto.
I vari gruppi etnici che si erano formati nella quarta stagione sembra che questa volta si uniranno, prendendo il controllo della prigione di Litchfield, per rivoltarsi finalmente contro la privatizzazione dell’amministrazione carceraria. La protesta dilagherà richiamando l’attenzione dei mass media arriveranno nel carcere per intervistare le detenute che hanno iniziato ad autogestirsi e a riprendere in mano la loro vita nel modo che vogliono.
La trama della serie continua a basarsi sul best-seller autobiografico di Piper Kerman. Una narrazione che nonostante sia arrivata alla quinta stagione, resta un’importante strumento di paragone culturale, nonché una parte essenziale dello zeitgeist, quello specchio di un epoca che ritrae tutto il malcontento che vivono gli Stati Uniti.
Non è strano affermare che Orange Is The New Black è tra le serie più impegnate degli ultimi anni. Concludendo, manca poco al 9 giugno. In fondo come canta Regina Spektor nella sigla: “Il sole è sorto, è un giorno nuovo e tutti stanno aspettando, stanno aspettando te… e tu hai tempo”.

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookShare on LinkedInShare on Tumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Will be used in accordance with our Privacy Policy